In Brasile si è concluso il primo progetto (azione-simbolo) legato alla campagna A Vaccine for All dal titolo Prevenzione, vaccino e cura per i riberinhos dell’Amazzonia in sostegno alle azioni di cura e prevenzione del Covid19 della barca ospedale “Papa Francisco”.

Il Brasile è stato uno dei paesi più colpiti dal Covid19 e la regione del Parà, nella quale si concentra il progetto di assistenza, si trovava già prima della pandemia in una situazione di estrema vulnerabilità.  L’azione, nata in contemporanea alla campagna A Vaccine for All promossa da una rete internazionale di oltre 40 organizzazioni di diversi Paesi per chiedere ai governi azioni più decise per un accesso libero ed universale ai vaccini, è diretta alle popolazioni che vivono lungo le rive del fiume che attraversa l’Amazzonia, i riberinhos.

Queste comunità non hanno accesso alle cure e non possono raggiungere facilmente gli ospedali. Qui opera dall’agosto 2019 l’ospedale fluviale Barco Hospital Papa Francisco, gestito dall’Associação Lar São Francisco de Assis na Providencia de Deus.

La campagna ha promosso un’azione politica che ha favorito le relazioni con le autorità locali e le comunità, facilitando l’azione di assistenza già avviata dalla barca ospedale.

Con la raccolta fondi lanciata per la campagna a livello internazionale, l’AMU – Azione per un Mondo Unito è riuscita a sostenere il progetto Prevenzione, vaccino e cura per i riberinhos dell’Amazzonia di assistenza alla popolazione in collaborazione con la barca ospedale che ha distribuito generi alimentari e di prima necessità alle famiglie in difficoltà, dispositivi per la prevenzione dal Covid19 e i farmaci e l’assistenza di operatori sanitari per sostenere la riabilitazione di chi ha avuto la malattia.

In una prima fase gli interventi hanno riguardato soprattutto il sostegno alle famiglie vittime delle forti alluvioni che avevano colpito la zona. In poche settimane queste popolazioni hanno perso le loro abitazioni, inondate dalle acque, e le barche e le reti per la pesca, strumenti essenziali per il loro sostentamento.

Ogni missione ha portato alle comunità prodotti di prima necessità, come alimenti, acqua, prodotti per l’igiene, prodotti per l’infanzia e medicinali.

In seguito, il governo, tramite il SUS (Sistema Unico Sanitario), grazie anche al supporto del comune e delle chiese che hanno messo a disposizione i loro spazi, ha iniziato a immunizzare dal Covid19 queste comunità e la barca “Papa Francisco” ha ripreso a effettuare le sue attività, tra cui visite, analisi mediche, terapie, come quelle odontoiatriche e operazioni, da quelle chirurgiche a quelle oftalmiche, che si erano sospese durante l’emergenza.

Il totale raccolto per la campagna “A Vaccine for All” al 31 marzo 2022 ammonta a € 52.278,33

Per il progetto “Prevenzione, vaccino e cura per i riberhinos” sono stati impiegati € 23.448,00 che hanno permesso alla barca ospedale acquistare i seguenti materiali:

  • 441 ceste di alimenti;
  • 232.811 guanti chirurgici;
  • 5.361 cuffie chirurgiche;
  • 17.699 mascherine;
  • 1299 grembiuli chirurgici;
  • 279 litri di soluzione alcolica igienizzante.

I seguenti prodotti invece non sono stati acquistati perché ricevuti in donazione:

  • 600m3 di ossigeno;
  • 9.000 mascherine chirurgiche;
  • 200 litri di gel alcolico;
  • medicinali vari.

I restanti contributi raccolti si stanno impiegando per sostenere il secondo progetto rivolto alle popolazioni dell’India rurale e altri costi di campagna.